Calcolo IMU
Webcam attualmente fuori uso

Alemanno e Tonti incontrano i genitori per tranquillizzare sul futuro della scuola. Il Sindaco: “Nuove scuole saranno modello per l’Italia”

NORCIA – Il Sindaco di Norcia Nicola Alemanno e la Dirigente Scolastica Rosella Tonti hanno incontrato i genitori degli alunni per parlare delle prospettive future della scuola di Norcia.

“Rivolgo ancora un grazie agli operatori della scuola, al personale docente e non docente, a voi genitori e ai ragazzi che hanno consentito a voi di scegliere di rimanere” ha detto il Sindaco di Norcia, Nicola Alemanno. “Il nostro intento è quello di realizzare un nuovo polo scolastico, sicuro e innovativo, volto anche alla riorganizzazione della nostra comunità. Entro la primavera 2019 – prosegue – contiamo di aver definito la progettazione e quindi dar corso alla realizzazione. Le nuove scuole – conclude Alemanno – saranno un modello di sicurezza e tecnologia per tutto il Paese e consentiranno alla nostra Comunità di tornare a crescere”. I tempi previsti sono stimati in 3 o 4 anni e l’area individuata per il nuovo polo comprende viale Circonvallazione, Viale Europa e Via dell’ Ospedale.

Un curiosità: già nel 1859 Papa Pio IX decise di riqualificare proprio la stessa area, ‘progetto Borgo Pio’, dove è prevista la realizzazione del nuovo polo scolastico, seguendo i dettami del regolamento per le zone sismiche, con l’istituzione di una apposita commissione che aveva il compito di redigere i nuovi progetti. 

Attualmente le scuole di Norcia infanzia, primaria e secondaria di primo grado dispongono delle strutture realizzate dalla Fondazione Rava. Le strutture che ospitano la scuola secondaria di secondo grado sono dei moduli donati dalla Fondazione delle Casse di Risparmio dell’ Umbria a novembre 2016 e necessitano di adeguamenti.

“L’istituto superiore ‘Battaglia’ ad oggi conta 16 classi di cui 3 svolgono le lezioni in aule sovrapposte – dice la Dirigente Rosella Tonti – grazie ad una donazione che ci è pervenuta realizzeremo nell’immediato una struttura che consenta l’allestimento delle aule mancanti e di posizionare i laboratori di chimica, fisica e un laboratorio di lingue 4.0, un presidio culturale per noi irrinunciabile vista la vocazione europea della nostra scuola. Con queste migliorie – conclude la Tonti – daremo una giusta dimensione e dignità anche alla scuola superiore per il medio termine, nell’attesa del nuovo polo scolastico”. Per gli interventi al polo scolastico nursino sono stati assegnati circa 13 milioni di euro e martedì 5 giugno la Giunta Regionale, ha approvato lo schema di Protocollo d’intesa tra la Regione, l’Ufficio Speciale per la Ricostruzione Umbria, la Provincia di Perugia ed il Comune di Norcia.