Calcolo IMU
Webcam attualmente fuori uso

Venerdì santo a Norcia, tra riti solenni e tradizione

NORCIA – Norcia serafica e mistica si prepara al triduo Pasquale, in particolare il Venerdì santo è da sempre per Norcia un giorno in cui tradizione e fede si incrociano. La Processione del Cristo Morto, in cui fino al 2016 partecipavano circa 400 figuranti era considerata una delle più imponenti del Centro Italia. Tra le particolarità, l’allestimento di quadri viventi raffiguranti la Passione di Cristo, lungo il percorso che si snoda intorno le mura urbiche. Lo scorso anno, nonostante gli eventi sismici, si è voluto comunque mantenere questa tradizione, seppur in edizione ridotta e, vista la criticità in cui versavano le mura, è stato allestito un solo ‘quadro’ raffigurante eccezionalmente la resurrezione.

Quest’anno, grazie alla messa in sicurezza ultimata delle mura, saranno invece riproposti alcuni quadri. La processione partirà da Capolaterra alle ore 21 circa li farà ritorno.

Prima della Processione, alle ore 15 circa, la compagnia teatrale locale del Gad interpreterà la ‘Sacra rappresentazione della Passione di Cristo’, una suggestiva rievocazione religiosa accompagnata dalla drammatizzazione del “Pianto della Madonna” di Jacopone da Todi, che sarà curata e interpretata dal GAD di Norcia, compagnia teatrale Anna e Alberto Ferrari, quest’anno allestito presso il piazzale antistante il monastero di Sant’Antonio.