Calcolo IMU

Webcam Live Piana di Castelluccio

Webcam Live Castelluccio di Norcia

Webcam Live Monte Vettore Deltaplano

Da 50 anni “Patrono principale d’Europa”. San Benedetto da Norcia modello di vita più che mai attuale

Folsom_Alemanno_Tonti

Iniziate questa mattina le celebrazioni della storica ricorrenza con la presentazione di una poderosa pubblicazione dedicata all’evento

NORCIA – Il messaggio di San Benedetto è oggi più che mai attuale, in ogni ambito della vita, spirituale ma anche sociale, culturale ed economico. La sua figura rappresenta ancora un valido esempio di perfezione. A esattamente cinquant’anni dalla proclamazione del Santo di Norcia a “patrono principale d’Europa” da parte del Pontefice Paolo VI (nei giorni scorsi proclamato Beato da Papa Francesco), la città di Norcia si è vestita a festa e ha programmato una serie di iniziative tese a solennizzare l’evento. La prima si è tenuta proprio questa mattina, presso il palazzo comunale. Un incontro pubblico, a cui hanno partecipato anche le scuole, è servito a riflettere sull’eredità lasciata alla comunità nursina dal Fondatore del monachesimo occidentale. Sono intervenuti il sindaco di Norcia Nicola Alemanno, la dirigente dell’Istituto Omnicomprensivo “De Gasperi-Battaglia” di Norcia Rosella Tonti e il Priore del monastero benedettino Padre Cassian Folsom. Tutti, richiamandosi alla lettera apostolica “Pacis Nuntius” di Papa Paolo VI e ai cinque titoli attribuiti a San Benedetto (messaggero di pace, realizzatore di unione, maestro di civiltà, araldo della religione di Cristo e fondatore della vita monastica in Occidente), hanno voluto evidenziare l’importanza e l’attualità dell’opera benedettina nella vita quotidiana. “San Benedetto – ha detto il sindaco Alemanno – può essere considerato un innovatore sociale di rango nel suo tempo, una sorta di ‘hacker’ – ha proseguito – inteso nell’accezione più stretta del termine statunitense, in quanto ‘persona che si è impegnata nell’affrontare sfide intellettuali per aggirare o superare creativamente le limitazioni che gli venivano imposte, non limitatamente ai suoi ambiti d’interesse, ma in tutti gli aspetti della vita’”. “Il percorso di vita di San Benedetto – ha detto anche la dirigente Tonti rivolgendosi ai ragazzi – è un modello esemplare per la scuola, soprattutto in questo momento storico in cui mostra dei lati deboli. San Benedetto è stato un maestro di civiltà, fondamentale nell’organizzazione sociale e nella crescita umana, spirituale e culturale. La sua Regola, che vorrei connotasse le nostre scuole – ha aggiunto – è un punto di riferimento essenziale nella costruzione e formazione del capitale umano”. L’incontro, che ha visto intervenire anche lo storico e critico letterario Arnaldo Colasanti con una conferenza dal titolo “Un lungo sogno di perfezione”, è stato incentrato sulla presentazione della nuova pubblicazione “San Benedetto da Norcia Patrono d’Europa, cinquantenario della proclamazione 1964-2014” edita dall’amministrazione comunale con il contributo del Consorzio Bim Cascia-Valnerina. Ad illustrare la poderosa opera sono state l’assessore comunale alla cultura Giuseppina Perla e la stessa curatrice Rita Chiaverini. “Questo progetto editoriale – ha detto la Perla – rappresenta un omaggio alla nostra comunità; è una sorta di ‘testo unico’ delle Celebrazioni Benedettine che si sono succedute negli anni. E’ un libro corale, frutto di tanta competenza, dedizione e passione; un libro di memorie; un tassello fondamentale nell’opera di valorizzazione della figura di San Benedetto che questa amministrazione vuole realizzare e che vedrà non solo il rilancio della manifestazione della Fiaccola Benedettina ma anche la costituzione di un’apposita ‘Fondazione di San Benedetto”. Sui contenuti e la struttura del volume è invece intervenuta la dottoressa Chiaverini (autrice della pubblicazione insieme allo storico Romano Cordella e al Priore Cassian Folsom). “In 500 pagine, 7 capitoli e 708 fotografie – ha detto – quest’opera racchiude otto secoli di storia, dall’origine delle Celebrazioni Benedettine del XIV secolo all’ultima edizione del marzo 2014. Da far notare – ha detto – è l’unità di intenti tra la precedente amministrazione e quella attuale, che ha voluto portare a compimento questo lavoro, nato sì per ricordare il 50° anniversario della proclamazione ma anche per riscoprire la storia locale e per focalizzare l’attenzione sul cammino della Fiaccola Benedettina in Europa e nel mondo”.