Calcolo IMU

Webcam Live Piana di Castelluccio

Webcam Live Castelluccio di Norcia

Webcam Live Monte Vettore Deltaplano

Martedì 16 un incontro pubblico per partecipare il PRG di Norcia

Cristina Sensi

L’Assessore Sensi: “Vogliamo che la città possa mettere a disposizione idee e suggerimenti”

NORCIA – Il Piano Regolatore Generale di Norcia si presenta alla città. Il prossimo martedì 16 settembre, alle ore 21:15, presso la Sala del Consiglio Maggiore del palazzo comunale, si terrà un incontro aperto a tutta la popolazione sull’importante strumento urbanistico di pianificazione del territorio.

“Questo primo incontro sul PRG – dichiara il vicesindaco e assessore all’urbanistica Cristina Sensi – onora quanto preannunciato in campagna elettorale e all’indomani della nostra elezione, quando ponemmo questo appuntamento tra le priorità dei primi 100 giorni dell’attività amministrativa. A seguito dell’analisi dei documenti e del confronto degli elaborati realizzati dalla nostra precedente amministrazione e di quelli lasciati in eredità dall’ultima, illustreremo alla città gli elementi condivisibili e i punti di debolezza che abbiamo riscontrato. Finalmente, dopo tanti anni, la città potrà prendere visione e consapevolezza delle prime carte di questo importante documento programmatico”.

L’incontro sarà orientato sulla trasparenza e sulla massima partecipazione.

“Vogliamo – spiega la Sensi – che il PRG non resti prerogativa di pochi ma che sia partecipato il più possibile dalla città, dare ampio spazio all’analisi condivisa e all’accoglimento di idee e di suggerimenti. Tutti dovranno avere l’opportunità di esprimersi e di partecipare al disegno della Norcia del futuro, con strategie di sviluppo condivise e in grado di soddisfare i bisogni dei cittadini. Tutte le opinioni e tutte le osservazioni – rimarca – dovranno essere ascoltate, prese in considerazione e valutate attentamente prima della fase dell’adozione. E quello di martedì – conclude – sarà il primo di una serie di incontri periodici che si terranno anche nei centri frazionali, con la Consulta di riferimento, con le associazioni di categoria e con tutti gli altri attori del territorio prima dell’avvio dell’iter burocratico vero e proprio”.