Calcolo IMU

Webcam Live Piana di Castelluccio

Webcam Live Castelluccio di Norcia

Webcam Live Monte Vettore Deltaplano

Focus sulla “risorsa tartufo” con la nuova legge proposta dal Consigliere regionale Buconi

NORCIA – Mercoledì 7 dicembre, alle ore 17, presso il Teatro Civico di Norcia, si terrà un convegno per fare il punto sulla “Risorsa Tartufo: un bene da tutelare”. L’iniziativa, promossa dal gruppo consiliare regionale dei “Socialisti e Riformisti per l’Umbria”, con il patrocinio del Comune di Norcia, avrà la finalità di accogliere contributi finalizzati alla tutela di questo prezioso tubero e alla definizione di una normativa in grado di disciplinarne la raccolta e la commercializzazione. La relazione introduttiva e il coordinamento dei lavori saranno affidati al capogruppo regionale Massimo Buconi, che illustrerà la sua proposta di legge n. 346/2011 sulla tutela del tartufo (a modifica della Legge Regionale n. 6 del 28/02/1994). “In alcune aree marginali dell’Umbria, come quelle dello Spoletino e della Valnerina, la coltivazione del tartufo nero pregiato di Norcia rappresenta l’unico reddito ottenibile dai terreni e come tale va valorizzato, salvaguardato, tutelato, senza per questo ledere gli interessi dei liberi raccoglitori”, anticipa il Consigliere Buconi. All’iniziativa convegnistica, cui sono stati invitati tutti i proprietari di tartufaie, le Comunanze Agrarie, le Comunità Montane, le associazioni di liberi raccoglitori e le amministrazioni comunali,  oltre a Massimo Buconi interverranno gli assessori regionali all’Ambiente e all’Agricoltura, rispettivamente Silvano Rometti e Fernanda Cecchini, il Sindaco di Norcia Gian Paolo Stefanelli, il Presidente dell’Associazione Tartufai-Tartuficoltori “P. Fontana” Domenico Manna e la professoressa Rossella Pampanini, del Dipartimento Scienze Economico-Estimative dell’Università degli Studi di Perugia. Entrando nel merito della proposta di legge, Buconi aggiunge: “Spetta alle istituzioni e quindi anche alla Regione dell’Umbria normare e disciplinare la materia affinché i produttori possano fare buona impresa ed affinché i liberi raccoglitori possano continuare ad esercitare con soddisfazione la loro passione. È questo l’intendimento di una proposta mirata in particolare sulle peculiarità dell’areale storico di produzione del tartufo nero e nero pregiato, Valnerina e Spoletino, nel quale la produzione di tartufo rappresenta un importantissimo fattore economico e di grande interesse per gli imprenditori agricoli”.