Attività di Affittacamere | Comune di Norcia
Calcolo IMU
Webcam attualmente fuori uso

Attività di Affittacamere

DESCRIZIONE

1. Sono esercizi di affittacamere le strutture gestite da privati, anche abitualmente, i quali utilizzano l’abitazione di residenza per fornire alloggio ed, eventualmente, servizi complementari. Tali strutture possono avere non più di sei camere ubicate nello stesso stabile per un massimo di dodici posti letto.

2. È ricompreso nell’esercizio di affittacamere l’affitto anche abituale di non più di due appartamenti mobiliati posti nello stesso stabile di residenza del titolare per una capacità ricettiva complessiva non superiore a sei camere per un massimo di dodici posti letto.

3. L’esercizio dell’attività di affittacamere non può comunque superare complessivamente sei camere per dodici posti letto, nelle quali sono forniti alloggio ed eventualmente, servizi complementari.

5. Il titolare dell’attività di cui ai punti 1 e 2 deve essere presente nell’abitazione di residenza almeno per il periodo in cui l’attività stessa è svolta.

6. L’attività di affittacamere non può comunque comprendere la somministrazione di cibi e bevande.

MODALITA’

L’interessato che intende esercitare l’attività ricettiva presenta all’Unione speciale competente per territorio, tramite lo sportello unico per le attività produttive e per l’attività edilizia – SUAPE – di cui all’articolo 40 della L.R. n. 8/2011 del Comune competente per territorio, la SCIA. L’interessato può iniziare l’esercizio dell’attività dalla data di presentazione della SCIA.

La Segnalazione Certificata di Inizio Attività (S.C.I.A.) deve contenere:

  1. nome e cognome, data e luogo di nascita, residenza, recapito telefonico dell’esercente e del proprietario dei locali;
  2. Ubicazione e descrizione della struttura (n. di camere, n. di bagni e n. di posti letto);
  3. il possesso dei requisiti igienico – sanitari previsti per l’uso abitativo del regolamento edilizio comunale e dal regolamento comunale di igiene;
  4. estremi del contratto di assicurazione stipulato per rischi di responsabilità civile nei confronti del cliente;

REQUISITI

Il titolare deve possedere i requisiti soggettivi previsti dagli articoli 11 e 12 del T.U.L.P.S. n. 773/1931


I locali destinati all’ esercizio di affittacamere devono possedere le caratteristiche strutturali ed igienico – edilizie previste per i locali di abitazione dal regolamento igienico – edilizio comunale ed i seguenti requisiti minimi:


CAMERE MOBILIATE
1) Buono stato di conservazione e manutenzione dell’ immobile
2) Arredamento funzionale composto da:
– letto per persona
– comodino per letto con lampada
– tavolo
– sedia per letto
– armadio
– specchio con presa corrente
– cestino rifiuti
3) Bagno completo ogni tre camere con acqua calda e fredda dotato di lavabo, water, vasca da bagno  o doccia e specchio con presa corrente
4) Chiamata di allarme in tutti i servizi igienici
5) Riscaldamento
6) Fornitura costante di energia elettrica


APPARTAMENTI MOBILIATI

1) Buono stato di manutenzione e conservazione dell’ immobile
2) Arredamento delle unità  abitative funzionale e di buona fattura composto da:
– letto
– comodino per letto con lampada
– una sedia per letto
– armadio
– tavolo da pranzo con sedie
– divano
– cucinino con angolo cottura composto da lavello, piano di cottura, frigorifero, scolapiatti, cappa aspirante e pensili
3) Bagno completo per ogni unità  abitativa con acqua calda e fredda dotato di lavabo, water, vasca da bagno  o doccia e specchio con presa corrente
4) Chiamata di allarme in ogni bagno
5) Riscaldamento
6) Fornitura costante di energia elettrica

Gli affittacamere devono inoltre garantire i seguenti servizi minimi di ospitalità, compresi nel prezzo della camera:
– pulizia dei locali ad ogni cambio di cliente ed almeno una volta alla settimana;
– cambio di biancheria ad ogni cambio di cliente ed almeno una volta alla settimana;

 

DOCUMENTI DA PRESENTARE

– Segnalazione Certificata di Inizio Attività

– dichiarazione delle attrezzature e delle tariffe da praticare

– Documento di identità del titolare in corso di validità.

– planimetria dell’ immobile;

– certificato di abitabilità  rilasciato dal sindaco;

 

MODULISTICA

SCIA Affittacamere

 

COSTO

Nessuno

 

TEMPI DI RILASCIO

Costituisce titolo valido per intraprendere l’attività, con decorrenza immediata, la presentazione della SCIA completa di tutti gli allegati e correttamente compilata.

 

ALTRE NOTIZIE

Una SCIA incompleta o errata è improcedibile e quindi non produce alcun effetto giuridico.

Eventuali omissioni o dichiarazioni mendaci da parte del dichiarante comportano la denuncia all’autorità giudiziaria, con possibili conseguenze penali a carico dello stesso E’ possibile dare alloggio esclusivamente a persone munite della carta d’identità o di altro documento idoneo ad attestarne l’identità secondo le norme vigenti (Art. 101 TULPS).

 

ADEMPIMENTI SUCCESSIVI

– presentare, entro il 1° ottobre di ogni anno, la dichiarazione alla Regione competente per territorio dei prezzi massimi valida per l’anno successivo, anche in assenza di variazioni rispetto alle tariffe precedentemente dichiarate;

– comunicare le presenze alla locale autorità di Pubblica Sicurezza;
– esporre nei locali adibiti all’esercizio dell’attività la tabella indicante il prezzo del servizio;

– esporre, in ogni camera o appartamento, l’apposito cartellino dei prezzi massimi, conformemente alla dichiarazione dei prezzi presentata alla Regione;

– comunicare annualmente all’Unione speciale il rinnovo della polizza assicurativa stipulata per rischi di responsabilità civile nei confronti del cliente;

– comunicare all’unione speciale competente per territorio i periodi di apertura.

 

DOVE RIVOLGERSI

Comune di Norcia – Via Fiume – Servizio Commercio e Attività Produttive

Orario: dal lunedì al venerdì, dalle ore 10,30 alle ore 12,30.

 

COME CONTATTARCI

Numero di telefono: 0743/828711

Numero di fax: 0743/824021

commercio@comune.norcia.pg.it

 

RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO

Sig. Daniele Bucchi

 

NORMATIVA DI RIFERIMENTO

Legge n. 135 del 29.03.2001; Legge Regionale n. 13/2013; Regolamento comunale d’igiene, Regolamento Comunale Edilizio

 

Pagina aggiornata il 03/09/2013

Pin It on Pinterest