Calcolo IMU
Webcam attualmente fuori uso

MODIFICHE al NOME

L’art. 36 del D.P.R. 396/2000 è la nuova modalità amministrativa per risolvere problemi relativi al nome. Riguarda i prenomi plurimi o composti.

Se ad un soggetto è stato attribuito alla nascita (prima dell’entrata in vigore del D.P.R. 396/2000) un nome composto da più elementi, anche se separati tra loro può dichiarare per iscritto, all’Ufficiale dello Stato Civile del Comune di nascita, l’esatta indicazione del nome con cui, in conformità alla propria volontà o all’uso fattone, egli metterà in evidenzia quale nome o più elementi onomastici egli vorrà che vengano riportati in tutti i certificati di Stato Civile e anagrafici.

La variazione al prenome non può riguardare l’introduzione di un nome diverso od ulteriore a quelli già indicati, ma riguarda soltanto la sequenza ordinale, secondo quanto risulta dall’atto di nascita.

La procedura inizia con l’istanza della parte interessata o da chi esercita la potestà ed è ammissibile per una sola volta.

L’articolo 36 può essere esercitato solo per l’ordine cronologico degli elementi quindi, l’istante, può chiedere che vengano eliminati tutti o in parte i nomi successivi al primo (se ad esempio, Francesco Antonio Giuseppe desidera che nella propria certificazione venga evidenziato solo il primo nome, Francesco, l’Ufficiale dello Stato Civile, dietro istanza/dichiarazione dell’interessato, provvederà ad annotare la variazione a margine dell’atto di nascita. eliminando così i nomi successivi al primo. Se invece volesse solo invertire i nomi (per esempio: Antonio Francesco Giuseppe o Giuseppe Antonio Francesco o Giuseppe Francesco Antonio) può invocare soltanto la normale procedura del cambiamento del nome (art. 89 e seguenti del Regolamento) con decreto prefettizio.

L’art. 36 stabilisce soltanto che la dichiarazione resa dalla parte interessata deve essere annotata sull’atto di nascita cui si riferisce e, successivamente, dovrà essere comunicata a cura dell’Ufficio di Stato Civile, all’Ufficiale d’Anagrafe del Comune ove la persona in questione, ha la residenza (ai sensi dell’art. 6 della legge 1228/1954).

L’istanza per richiedere l’art. 36 può essere prodotta all’Ufficiale di Stato Civile del Comune di Catania anche se, il richiedente – residente , è nato in altro Comune italiano. Tale dichiarazione può essere inviata anche per posta al seguente indirizzo:

COMUNE DI NORCIA
Ufficio di Stato Civile 
Via Fiume n. 1
06046 NORCIA (PG)

o via fax al n. 0743/824021 o per via telematica allegando la fotocopia del documento d’identità dell’istante, all’indirizzo: comune.norcia@postacert.umbria.it .

Si ribadisce che l’art. 36 può essere esercitato SOLO UNA VOLTA e se si volesse ritornare al prenome iniziale, si dovrà attivare la procedura del decreto prefettizio per il cambiamento del nome di cui agli artt.89 e seguenti del D.P.R. 396/2000.

L’art. 36 non può essere adottato per le nascite avvenute dopo il 30/03/2001, data di entrata in vigore del nuovo Ordinamento dello Stato Civile.

E’ possibile ritirare la modulistica necessaria sia presso l’Ufficio preposto che presso l’Ufficio Servizi Demografici.

scarica il modulo di richiesta

Pin It on Pinterest