AUTOCERTIFICAZIONE | Comune di Norcia
Calcolo IMU
Webcam attualmente fuori uso

AUTOCERTIFICAZIONE

Semplificare, snellire, risparmiare.
Sono queste alcune delle richieste più importanti che vengono rivolte dai cittadini alla pubblica amministrazione e sono sempre queste le finalità che molte delle leggi approvate negli ultimi anni hanno cercato di realizzare e raggiungere. In tal senso, uno dei provvedimenti più concreti ed utili è stato ed è senz’altro lo sviluppo e l’estensione dell’autocertificazione.

Già da alcuni anni, infatti, molti certificati possono essere sostituiti con dichiarazioni scritte a casa propria su un semplice foglio bianco o con notizie contenute nei documenti di identità.

Autocertificare conviene. Conviene ai cittadini e alla Pubblica Amministrazione. Conviene economicamente e dal punto di vista del tempo. E più si applicherà l’autocertificazione, più ne trarremo giovamento tutti.

Cosa è l’Autocertificazione

L’Autocertificazione consiste nella possibilità di sostituire con una semplice dichiarazione tutti i certificati da presentare alla Pubblica Amministrazione, ai Gestori di Servizi Pubblici e ai privati che vi consentono.
La firma apposta sull’autocertificazione non è soggetta ad autenticazione.
L’autocertificazione può essere firmata davanti al funzionario competente a ricevere la documentazione oppure trasmessa per posta o Fax allegando la fotocopia non autenticata di un documento d’identità in corso di validità.

Chi può autocertificare

  • i cittadini maggiorenni
  • per i minori, occorre la firma dell’esercente la potestà o del tutore
  • per gli interdetti, occorre la sottoscrizione del tutore
  • per chi non sa o non può firmare, ossia in caso di analfabetismo o di impedimento fisico, sarà cura del Pubblico Ufficiale ricevere la dichiarazione ed attestare le cause dell’impedimento senza bisogno di testimoni, utilizzando la dicitura “impossibilitato a firmare per…”
  • per chi ha un impedimento temporaneo di salute, la firma deve essere apposta dal coniuge o, in sua assenza, dai figli o, in mancanza di questi, da altro parente in linea retta o collaterale fino al terzo grado (zio, nipote) con esplicita indicazione dell’esistenza dell’impedimento, da rendere al pubblico ufficiale previo accertamento dell’identità
  • per i cittadini comunitari si applicano le stesse modalità previste per gli italiani
  • i cittadini extracomunitari possono avvalersi dell’autocertificazione solo se legalmente dimoranti in Italia (cioè in possesso di permesso o carta di soggiorno), limitatamente ai dati in possesso del Comune di residenza e verificabili

Cosa si può autocertificare

  • data e luogo di nascita
  • residenza
  • cittadinanza
  • godimento dei diritti civili e politici
  • stato libero (celibe/nubile), coniugato, vedovo
  • stato di famiglia
  • esistenza in vita
  • nascita del figlio
  • decesso del coniuge, dell’ascendente (padre/madre) o discendente (figli)
  • iscrizione in albi, registri o elenchi tenuti da pubbliche amministrazioni
  • appartenenza a ordini professionali
  • titolo di studio, esami sostenuti
  • qualifica professionale posseduta, titolo di specializzazione, di abilitazione, di formazione, di aggiornamento e di qualificazione tecnica
  • situazione reddituale o economica anche ai fini della concessione dei benefici di qualsiasi tipo previsti da leggi speciali, ad es. nelle istanze rivolte al Servizio Sociale, all’Ufficio Tributi, all’Ufficio Casa, Scuola, etc.
  • assolvimento di specifici obblighi contributivi con l’indicazione dell’ammontare corrisposto
  • possesso e numero del codice fiscale, della partiva Iva e di qualsiasi dato presente nell’archivio dell’anagrafe tributaria
  • stato di disoccupazione
  • qualità di pensionato e categoria di pensione
  • qualità di studente
  • qualità di legale rappresentante di persone fisiche o giuridiche, di tutore, di curatore e simili
  • iscrizione presso associazioni o formazioni sociali di qualsiasi tipo
  • tutte le situazioni relative all’adempimento degli obblighi militari, ivi comprese quelle attestate nel foglio matricolare dello stato di servizio
  • non aver riportato condanne penali e non essere destinatario di provvedimenti che riguardano l’applicazione di misure di prevenzione, di decisioni civili e di provvedimenti amministrativi iscritti nel casellario giudiziale ai sensi della vigente normativa
  • non essere a conoscenza di essere sottoposto a procedimenti penali
  • qualità di vivenza a carico (essere, cioè, economicamente dipendente da altre persone)
  • tutti i dati a diretta conoscenza dell’interessato contenuti nei registri di stato civile (e cioè i dati relativi a nascita, matrimonio e morte e relative annotazioni)
  • non trovarsi in stato di liquidazione o di fallimento e non aver presentato domanda di concordato

Cosa non si può autocertificare

L’autocertificazione non è ammessa per:
  • i certificati medici, sanitari, veterinari
  • i certificati di origine (dati sensibili), di conformità CE, di marchi e di brevetti
In questi casi dovrà essere presentata la documentazione prevista nei singoli casi.
Se le Amministrazioni hanno dubbi sulla veridicità delle autocertificazioni sono tenute ad effettuare i controlli necessari.

Limiti e sanzioni

Le dichiarazioni mendaci, la falsità negli atti e l’uso di atti falsi sono puniti ai sensi del codice penale e delle leggi speciali in materia.Il dichiarante, inoltre, decade dai benefici eventualmente conseguiti con provvedimenti adottati sulla base di dichiarazioni non veritiere.

Dimostrazione dei dati personali

I dati relativi a cognome, nome, luogo e data di nascita, la cittadinanza, lo stato civile e la residenza attestati in documenti di identità o di riconoscimento in corso di validità, possono essere comprovati mediante la semplice esibizione dei documenti stessi.
Sarà facoltà dell’amministrazione pubblica o del gestore di servizio pubblico verificare, nel corso del procedimento, la veridicità e l’autenticità dei dati contenuti nei documenti.

Normativa di riferimento

  • LEGGE 07.08.1990 N. 241 : Nuove norme in materia di procedimento amm.vo e di diritto di accesso ai documenti amm.vo, art. 18
  • D.P.R. 28 dicembre 2000 n. 445: Testo Unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione amm.va, artt. 45-46
  • LEGGE 12 novembre 2011, n. 183: Legge di stabilità 2012, art 15

Servizio: AFFARI GENERALI – SERVIZI DEMOGRAFICI
Responsabile: BALDINI RICCARDO
Ufficio: SERVIZI DEMOGRAFICI
Indirizzo: PIAZZA S. BENEDETTO 1
Referente: CARISSIMI RINA MARIA
Telefono: 0743 828711 INTERNO 214 – Fax: 0743 824021

Orario: dal lunedì al sabato, dalle 9.00 alle 12.30

Pin It on Pinterest