Calcolo IMU
Webcam attualmente fuori uso

Visita del Commissario De Micheli a Norcia. “Al vostro fianco, ma no assistenzialismo”

NORCIA – Visita a Norcia per il nuovo Commissario straordinario per la ricostruzione, On. Paola De Micheli. Accomagnata dal Vice Commissario e Presidente della regione Umbria, Catiuscia Marini è stata accolta dal Sindaco di Norcia, Nicola Alemanno che la condotta a fare un giro nel centro storico della città. La De Micheli è rimasta molto emozionata nel vedere personalmente quanto realmente accaduto, prendendo coscienza sul campo del lavoro che è stato fatto e di quanto c’è da fare. Il Commissario ha poi incontrato i sindaci del cratere del sisma presso il Centro Polivalente Comunale. Dopo il punto della situazione introdotto dalla Presidente Marini, il Sindaco Alemanno ha portato il suo saluto di benvenuto.

“La nostra comunità è ripartita già all’indomani della scossa del 24 agosto ponendo come pilastri l’agibilità dei plessi scolastici e il riavvio immediato delle attività economiche” Ha detto Alemanno. “Hai avuto modo di verificare personalmente come la comunità della Valnerina sia resiliente e come qui oggettivamente il tessuto sociale abbia reagito – rivolgendosi direttamente alla De Micheli – così come quello edilizio ha retto bene; cosa che non possiamo dire per i beni culturali, gravemente feriti”. Il Sindaco di Norcia ha poi enunciato una serie di problematiche da mettere al centro dell’azione di ricostruzione, quali il ripristino delle attività del territorio: seppur le aziende di prodotti tipici abbiano lavorato molto, anche spinti dal motore della solidarietà, da settembre al 31 dicembre 2016 e per questo rischiano di non rientrare nell’ attuazione della zona franca. Così come diverse aziende o attività commerciali che non sono ancora ripartite, o hanno avuto un calo sensibile del fatturato, e hanno subito danni alle attrezzature e alle merci. “I nostri imprenditori hanno scelto di continuare a scommettere un questo territorio che tanto ci ha dato ma ha dimostrato che in pochi secondi può riprendersi tutto – prosegue Alemanno, che ha tenuto un intervento sul tema anche all’assemblea nazionale di ANCI a Vicenza giovedì 12 – dopo un anno di chiusura non gli si può chiedere di tornare a pagare come se nulla fosse accaduto, metterebbe in sofferenza la nostra economia. Auspichiamo dunque ad un ulteriore impegno per essere raggiunti presto da buone notizie. Da parte di noi amministratori – conclude – è necessario porre attenzione ‘in primis’ alla soluzione dei problemi, sappiamo che un giorno dovremmo dar conto del nostro operato ma ora lasciateci lavorare”. La De Micheli annuncia che le ‘buone notizie’ dovrebbero arrivare a breve, riguardo Inps, Inail e tributi erariali. Durante il suo primo mese da commissario “incarico tra i più gravosi affidatomi dal Presidente del Consiglio Gentiloni” è stata fatta una ricognizione e iniziato a scrivere alcune norme, “sfruttando al massimo quelle che ci sono” ma ancora più precise e dettagliate, raccogliendo indicazioni da parte dei Presidenti e dei Sindaci del cratere, annunciando anche la riapertura dei termini per la zona franca nei primi mesi del 2018 “ ma è possibile mantenerla solo su informazioni giuste sulla condizione delle imprese” ha detto il Commissario. Per quanto riguarda la sospensione dei tributi e la ripresa dei pagamenti, la De Micheli precisa che “c’è già una norma in vigore e per le imprese è possibile rateizzarla attraverso un mutuo, i cui interessi saranno pagati dallo Stato, per rientrare in 5 anni”. Ci sono diversi tavoli aperti in sede di discussione, tra i primari ovviamente quello riguardante le infrastrutture. Per quanto concerne poi la ricostruzione leggera privata, le Aedes con lettera ‘B’, anche la De Micheli sollecita la presentazione delle pratiche “saremo inflessibili sui tempi, pur riconoscendo preoccupazioni e paure da parte dei cittadini. La ricostruzione privata deve andare veloce come quella pubblica e di pari passo con le misure di sviluppo economico e sostegno alle imprese. I soldi ci sono – ribadisce – ma se ci sono dei dubbi, le risposte le troverete all’ Ufficio Speciale per la Ricostruzione. Svolgerò questo incarico con umiltà e grande determinazione, al vostro fianco, ma non saremo disponibili a fare cose al di fuori della ricostruzione, non faremo assistenzialismo. Il nostro biettivo – conclude – è tornare a far crescere queste valli e di stare vicini a persone e imprese. Se lo faremo male, la storia ci castigherà e questo non lo voglio”.

Pin It on Pinterest