Alemanno: “Noi, mai soli. Ricostruzione, grande sfida per tornare competitivi” | Comune di Norcia
Calcolo IMU
Webcam attualmente fuori uso

Alemanno: “Noi, mai soli. Ricostruzione, grande sfida per tornare competitivi”

Cosa è stato fatto, cosa c’è da fare ad un anno dal sisma. A Norcia Consiglio comunale aperto ad un anno dal sisma del 24 agosto 2016, che ha sconvolto il centro Italia, per fare il punto della situazione. Presente la Presidente della Giunta Regionale dell’Umbria, Catiuscia Marini, il vice prefetto della Provincia di Perugia Michele Formiglio. Insieme a loro presenti i Sindaci del cratere del sisma ed altri esponenti Istituzionali regionali, come il Vice Presidente della Provincia di Perugia, Roberto Bertini e per la Curia Mons. Giampiero Ceccarelli, la sovrintendente Marica Mercalli e il Presidente del Parco Nazionale dei Monti Sibillini, Oliviero Olivieri, oltre che rappresentanti delle forze armate. Presenti anche i Sindaci dei Comuni del cratere del sisma.
Prima di introdurre la seduta è stato osservato un minuto di raccoglimento per le vittime del sisma.

Non avendo avuto vittime, per fortuna, abbiamo potuto affrontare diversamente l’emergenza e ora poterci dedicare alla ricostruzione che sta partendo” esordisce il Sindaco di Norcia, Nicola Alemanno. “In questa assise abbiamo voluto al nostro fianco tutti quelli che ci hanno aiutato, i colori della solidarietà” riferendosi alla caratterizzazione delle divise di tutte le forze in campo in questi mesi “che non ci hanno mai fatto sentire soli. A metà ottobre – ricorda Alemanno – avevamo chiuso i centri di accoglienza, la nostra città stava ripartendo, mai ci saremmo immaginati che il peggio doveva ancora arrivare”. I numeri legati all’emergenza sono declinati dallo stesso Alemanno e danno la misura dell’intenso lavoro svolto dal Comune di Norcia in questi mesi. Tra questi spiccano i numeri legati alle ‘casette’: dopo il 24 agosto il fabbisogno di Soluzioni Abitative d’Emergenza (SAE) da soddisfare era di 101, tutte consegnate entro maggio 2017. Dopo il 30 ottobre cambia l’esigenza salendo a 504 il fabbisogno di SAE, di cui 37 consegnate l’11 agosto e le restanti 53 a completamento del lotto di zona industriale B che ammonta a 90 unità abitative, sarà completato i primi giorni di settembre. Si lavora per far si che tutti possano rientrare nelle case entro la fine dell’autunno 2017. Un altro dato che fa riflettere è stata l’erogazione dei pasti nelle mense che è passato dai circa mille, dal 24 agosto, agli oltre 3000 dopo il 30 ottobre.

Stiamo uscendo dalla fase dell’emergenza e la notizia più importante è che la ricostruzione sta partendo – dice il Sindaco Alemanno – sarà un processo complesso e difficile in cui non ci possiamo permettere il ‘rimpallo’ delle responsabilità. Tutti insieme dobbiamo individuare le migliori soluzioni così come insieme abbiamo fatto questo percorso in questo anno di gestione emergenza. Oggi abbiamo un quadro normativo solido in funzione del quale dobbiamo far partire la ricostruzione. Il nostro territorio – conclude Alemanno – la Regione e il Comune di Norcia, stanno diventando esempio di come le cose possono funzionare. Probabilmente avremo potuto fare di più, ma stiamo cercando di fare il nostro meglio, dedicandoci ogni giorno, tutti i giorni a far ripartire la nostra comunità e la nostra terra”.