Calcolo IMU
Webcam attualmente fuori uso

Conto alla rovescia per il “porta a porta” nel centro storico di Norcia

locandina del porta a potaTutte le novità saranno illustrate nel corso di un incontro pubblico fissato per lunedì 18 aprile alle ore 21 presso la sede municipale

NORCIA – “Finalmente anche Norcia si iscrive al club dei Comuni umbri in cui è stato adottato il sistema di raccolta rifiuti del ‘porta a porta’”. A parlare dell’azione di potenziamento quantitativo e qualitativo della raccolta differenziata nella città di San Benedetto che, già dal prossimo mese di giugno, comporterà il passaggio della raccolta da stradale a domiciliare, a cominciare dal centro storico del capoluogo, è lo stesso sindaco Nicola Alemanno. “Si tratta – spiega il primo cittadino – di un progetto prototipale per i Comuni dell’ex ATI 3 ed è guardato con grande interesse dal resto della realtà regionale poiché introduce elementi di assoluta innovazione rispetto agli altri già in atto, soprattutto ai fini della tracciabilità dei rifiuti e della conseguente applicazione della ‘tariffa puntuale’ (il cittadino pagherà in proporzione ai rifiuti indifferenziati prodotti) secondo le disposizioni della delibera regionale n. 34 del 18 gennaio scorso. Norcia, quindi, sempre più green e sempre più smart”. Tutte le novità e le modalità del nuovo metodo di raccolta, che inizialmente interesserà 730 utenze domestiche e 250 attività, saranno meglio illustrate dall’amministrazione comunale di Norcia e dalla Valle Umbra Servizi, nel corso di un incontro pubblico fissato per lunedì 18 aprile, alle ore 21, presso il palazzo municipale. “Il ‘porta a porta’ – anticipa anche l’assessore comunale all’ambiente Giuliano Boccanera – richiede indubbiamente una maggiore attenzione da parte dei cittadini nella differenziazione del rifiuto, ma il loro comportamento virtuoso sarà fondamentale per raggiungere benefici ambientali ed economici, oltre che per incrementare ulteriormente la percentuale di raccolta differenziata in città. La collaborazione con la VUS, che per il nuovo servizio utilizzerà anche nuovi mezzi- evidenzia – va in questa direzione”. “Ogni utente – spiegano dalla Vus – avrà sacchi e biopattumiere (mastelli) per conferire fuori dalla propria abitazione i rifiuti separati. Carta, plastica, vetro e indifferenziato saranno raccolti con i sacchi semitrasparenti, mentre per l’organico verrà utilizzata una biopattumiera dotata di una chiusura antirandagismo”. Per avere il kit di raccolta (sacchi, biopattumiera ed  etichette identificative)  tutti i cittadini sono invitati ad andare allo sportello di Valle Umbra Servizi in via Alberto Novelli  dal 19 aprile al 14 maggio (lunedì, martedì, giovedì e venerdì dalle 10 alle 14, il sabato dalle 10 alle 13), dove si riceveranno  tutte le informazioni necessarie e  si firmerà l’adesione per ritirare il materiale per il nuovo sistema di raccolta. Completata la fase di informazione, la raccolta con il nuovo metodo inizierà a giugno e tutti i cassonetti a servizio del centro storico saranno progressivamente rimossi, per un centro storico più decoroso e più attento all’ambiente. Oltre al centro storico, in questa prima fase sperimentale saranno servite dalla raccolta domiciliare alcune delle più grandi utenze commerciali, artigianali, mense ecc.  in modo che i principali flussi di rifiuti prodotti siano raccolti separatamente e avviati quindi al riciclo.

Pin It on Pinterest