Calcolo IMU
Webcam attualmente fuori uso

Celebrazioni del 4 novembre, momento di confronto e riflessione per “essere eccellenti nella quotidianità e saper fare squadra”

Consegna costituzione 3

NORCIA – Quest’anno a Norcia la giornata delle celebrazioni dell’Unità nazionale e delle Forze armate si è tradotta non solo nel ricordo dei fatti storici e delle tante persone che hanno sacrificato la propria vita per la libertà e l’unità della nostra Nazione ma anche nel confronto e nella riflessione su tematiche attuali quali la prevenzione, la sicurezza e la difesa da truffe. La cerimonia tradizionale si è svolta in piazza Vittorio Veneto, dove si sono riunite tutte le autorità civili e militari e i rappresentanti di tutte le associazioni combattentistiche e d’arma. Subito dopo la deposizione della corona al monumento dei caduti, nel suo discorso il sindaco Nicola Alemanno ha passato in rassegna tutti gli eventi storici più salienti legati alla memorabile ricorrenza. “Il 4 novembre – ha detto – è la festa dell’orgoglio di una Nazione che 96 anni fa si rialzò in piedi, vincendo sulla grande guerra; una Nazione che non si mise in ginocchio ma che seppe lottare per il valore di una Patria unica e indivisibile, valore che oggi è simboleggiato dal nostro esercito e che è racchiuso, in tutto il suo significato, nella Costituzione italiana e nel nostro tricolore”. Simboli, quest’ultimi, che sono stati consegnati, per mano delle stesse forze armate, del parroco di Santa Maria Luciano Avenati e del presidente del Consiglio Comunale dei Giovani Aldo Taschetti ai circa novanta ragazzi che quest’anno hanno compiuto diciotto anni. “In questi simboli – ha fatto notare il primo cittadino – è contenuta tutta la nostra storia. Difendete il senso civico e con il vostro entusiasmo vi prego di contagiare l’intera nostra comunità. E’ quello di cui Norcia ha bisogno”. “Nel cuore e nella volontà delle giovani generazioni – è stata anche la preghiera espressa dal parroco Avenati – vi sia una vivace passione per i problemi della comunità civile, alla quale non può mancare la freschezza della loro età, il vigore delle loro forze e la loro fantasia nel pensare e progettare il futuro”. E oltre alla responsabilità del senso civico, nel corso della mattinata i ragazzi sono stati chiamati ad essere anche ambasciatori di utili suggerimenti e di buone pratiche nei confronti delle loro famiglie al fine di tutelare al massimo la propria e altrui sicurezza. Da piazza Vittorio Veneto, infatti, la cerimonia si è spostata al palazzo comunale, dove è stato consegnato loro un dépliant informativo sui possibili mezzi di difesa da truffe e raggiri, indirizzato principalmente alle persone anziane, realizzato dalla tenenza dei carabinieri di Norcia in collaborazione con il Comune di Norcia. “In un momento di crisi come quello che stiamo vivendo – ha affermato il tenente Enrico Alfano – il trend della criminalità, in particolare di quella cosiddetta ‘migratoria’, è in aumento. E anche se in Umbria lo standard di vita è buono non possiamo permetterci di abbassare la guardia. Dobbiamo fare squadra, tutti insieme, sentirci parte integrante del ‘sistema Italia’, essere eccellenti nella quotidianità. Dobbiamo tenere sempre vivo il sentimento della legalità e investire continuamente sulla sicurezza. Ognuno deve saper fare l’arbitro di se stesso e impegnarsi per fare delle nostre comunità dei sistemi vincenti”. E intanto, a tutela della sicurezza di tutta la città, l’amministrazione comunale ha già pensato ad alcune possibili soluzioni. “Il Comune di Norcia – ha annunciato il sindaco Alemanno – si sta dotando di un sofisticatissimo sistema di videocontrollo che permetterà il riconoscimento delle auto e delle targhe. Si tratta di un sistema centralizzato che funzionerà attraverso le nuove tecnologie wireless e che tutelerà la privacy dei cittadini. Chiunque vorrà tenere sotto controllo o la propria azienda o la propria abitazione potrà connettersi a questo sistema, acquistando semplicemente una videocamera”.

Pin It on Pinterest