Calcolo IMU
Webcam attualmente fuori uso

Centro diurno per disabili, sottoscritto il contratto di comodato d’uso dei locali

L’Assessore Gentili: “Un gesto di grande sensibilità da parte della Parrocchia”

NORCIA – La Parrocchia di S. Maria Argentea ha concesso in comodato d’uso gratuito a tempo indeterminato al Comune di Norcia i locali del centro socio-riabilitativo e rieducativo per disabili di Norcia, presso l’ex Casa Parrocchiale di Sant’Agostino. La sottoscrizione del contratto (il cui schema è stato approvato con deliberazione di Giunta Municipale n. 93 del 19/06/2013) si è tenuta ieri mattina presso il palazzo comunale, alla presenza del parroco Don Luciano Avenati, a un anno esatto dal suo arrivo nella parrocchia nursina. A nome dell’amministrazione comunale, l’assessore alle politiche sociali Ida Gentili esprime i più sentiti ringraziamenti alla Parrocchia. “Gratitudine e profonda riconoscenza – afferma l’assessore – vanno sia al Parroco Avenati che al nostro Arcivescovo, SE mons. Renato Boccardo, che già in occasione della sua visita pastorale a Norcia, lo scorso maggio, ha generosamente manifestato l’intenzione di collaborare alla completa realizzazione dell’intervento di inserimento ed integrazione sociale delle persone diversamente abili residenti nella Zona Sociale n. 6, mediante la concessione dei locali sede del centro diurno”. Già da anni, il Centro socio-educativo-riabilitativo in questione è una struttura territoriale a ciclo diurno, rivolta a soggetti in condizioni di disabilità, con notevole compromissione delle autonomie funzionali, che hanno adempiuto l’obbligo scolastico e per i quali non è prevedibile, nel breve periodo, un percorso di inserimento lavorativo o formativo. E’ un servizio aperto alla comunità locale con funzioni di accoglienza, sostegno alla domiciliarità, promozione della vita di relazione, sviluppo delle competenze personali e sociali. Quanto alla titolarità del servizio, questa è di competenza della Azienda Unità Sanitaria Locale Umbria 2, mentre il Comune compartecipa alla spesa per il 30%.

Pin It on Pinterest