Calcolo IMU
Webcam attualmente fuori uso

Bilancio record per le presenze turistiche a Norcia

Norcia tra le città umbre più ricercate dai turisti italiani e stranieri

NORCIA – Un fine settimana “boom” per arrivi e presenze turistiche a Norcia in occasione delle festività pasquali e del 25 aprile. La città di San Benedetto ha registrato un gradimento turistico da record. Considerevole l’afflusso dei visitatori italiani ma anche quello dei turisti stranieri, per lo più americani, inglesi e tedeschi, che hanno affollato tutte le strutture ricettive e di ristorazione della città. L’ondata di “villeggianti” era stata annunciata lo scorso venerdì da centinaia di camperisti, che hanno occupato tutti gli spazi a loro disposizione, dalla zona industriale al grande largo dedicato a “Rosa Marucci”. Un fiume di persone hanno preso parte alla tradizionale Processione del Venerdì Santo lungo la cinta muraria, illuminata dalle sole fiaccole portate dai figuranti e animata da undici suggestivi e commoventi quadri viventi. Il pieno di gente c’è stato anche sabato e il giorno di Pasqua, con un Corso Sertorio costantemente battuto in lungo e in largo, fino a tarda sera. Stessa cosa si è ripetuta a Pasquetta, che quest’anno è coincisa con il 25 aprile e quindi con la consueta cerimonia di commemorazione al monumento dei caduti di Piazza Vittorio Veneto, che ha visto la deposizione della corona e il discorso alla popolazione da parte del sindaco Gian Paolo Stefanelli. Il primo cittadino, nel ripercorrere a grandi linee la storia che, sessantasei anni fa, condusse l’Italia alla liberazione, ha voluto richiamare l’attenzione sui valori e sui tratti fondamentali della nostra identità e fare a tutti i presenti un appello. “Dobbiamo essere più uniti perché sentiamo di credere negli stessi valori civili e morali che sono contenuti nella nostra Costituzione – ha detto – e perché vogliamo che questi abbiano concreta applicazione. Parta quindi, anche da Norcia, dalla nostra Comunità, in tutte le sue espressioni, senza retorica e con il vero senso che diamo a questa celebrazione, un modesto, piccolo, ma significativo contributo di partecipazione e sollecito affinché tutte le istituzioni, ai più alti livelli, contribuiscano a rendere questo nostro Paese più coeso, responsabile, serio, produttivo, credibile e vivibile rispetto ai difficili momenti che stiamo attraversando”. Non solo cittadini ma anche numerosi turisti, si diceva, hanno preso parte alla cerimonia, programmando la loro permanenza fino al giorno successivo. Soddisfatti gli operatori del centro, ma anche gli albergatori e i ristoratori, quest’ultimi organizzatisi per garantire anche due turni, sia per i pranzi che per le cene.

Pin It on Pinterest